sabato 8 ottobre 2011

Mostra...ndomi!

 Buongiorno Amiche,
oggi questa pagina è...autocelebrativa!
Meglio dirlo subito, senza fraintendimenti e falsa modestia...
Scherzi a parte, avevo il piacere di condividere con Voi la parte più intima della mia sfera creativa, ovvero quella che dedico alla pittura, mio percorso (a ostacoli) di vita (a ostacoli anch'essa!).
Le foto che vedete ("vedete" è una parola usata a sproposito, visto che hanno una risoluzione che causa mal di mare più di una traversata dell'oceano Atlantico in gommone) mi ritraggono mentre mi pavoneggio (il termine è, senza mezze misure, questo!) accanto a una mia tela, con la quale partecipo a una mostra collettiva a Bronte, dal 6 al 9 Ottobre.
Per di più, domenica 9 Ottobre, dalle 9:00 alle 15:30, saremo una ventina di artisti (in nuce) a creare un omaggio ai "fatti di Bronte", celebrando il 150° anniversario dell'unità d'Italia.

Questi giovani (lasciate che mi attribuisca, ancora per un po', questo aggettivo!) saranno sparsi per le stradine del centro, lungo le quali si svolge, come ogni anno, una festa dedicata al pistacchio (in tutte le salse...creme e ricette!), che accoglie visitatori un po' da tutta la Sicilia
Si tratta di un evento che, seppur di carattere locale, mi emoziona, perchè sono solita creare in quasi totale riservatezza e l'idea di mettermi a saltellare (considerato che non ho alcuna intenzione di limitare il mio modus operandi) mentre uso colori, spatole e pezze mi imbarazza un po'...
Beh, speriamo di vincere almeno il premio per la simpatia..!

Il quadro protagonista del presente post ha dimensioni limitate rispetto a quelle con le quali mi confronto solitamente: è cm.150x100.
Il percorso che ho intrapreso, infatti, merita tele lunghe almeno due metri: sì, dipingo lenzuola..!
Come sovente, preferisco non dare un titolo a ciò che creo, perchè ritengo che la decadenza che emerge dalle raffigurazioni che scelgo sia evidente e dica tutto.
 
L'oufit di giovedì sera era composto da uno scamiciato (Zara bimba, A/I '08-'09), che presentava delle ruches in tessuto a taglio vivo sul petto e che si allargava, subito sotto il seno, in una divertente forma a palloncino, must che imperversa da qualche stagione a questa parte.
Una semplice camicia bianca (And, A/I '06/'07) si riallacciava alla punta color panna di un paio di stringate in vernice, che adoro (Zara, P/E '11).
I collant erano d'obbligo, visto che eravamo a una certa altezza e che c'era stato un acquazzone.
La bombetta (Pull&Bear, A/I '06-'07) è uno dei miei pezzi preferiti, lo sapete, e l'ho accostata a un cappotto che Vi mostrerò presto, perchè delizioso, e a una borsa "trapuntata" (ma, fortunatamente, senza effetto "Scianell"), Zara, A/I '08/'09.
Grazie per aver letto o anche solo guardicchiato questa pagina e a prestissimo!
P.

14 commenti:

  1. Mi piace proprio questa tela!Complimenti :) (ovviamente, nemmeno a dirlo, tu sei sempre splendida!!) Tanti baci per te caraa <3

    RispondiElimina
  2. @ Eleonora: Grazie mia cara! I tuoi complimenti sono particolarmente graditi, visto che si tratta di un post riguardante una sfera più personale di quella che presento normalmente... Un bacione! =)

    @ Love Sushi and Fashion: Thank you sweetie!

    @ Cooksappe: Grazie, sia che ti riferisca a me che alla tela! =)

    RispondiElimina
  3. hey non avevo visto i nuovi post, altrimenti avrei commentato su questi...
    complimenti davvero per la tua opera ed in bocca al lupo per la mostra...
    sei una continua sorpresa ;)
    buon weekend,
    marco

    RispondiElimina
  4. avevo adocchiato la tua opera anche sul wall yamamay e sono contenta di poterla rivedere meglio qui perchè mi piace davvero tanto. Complimentoni e... se ti va, sarebbe bello poter vedere ancora i tuoi lavori! (ovviamente con outfit in coordinato :) ) baci

    RispondiElimina
  5. lanciacoriandoli9 ottobre 2011 19:16

    sei troppo carina!

    RispondiElimina
  6. Opera veramente suggestiva, inquietante ma fortunatamente liberata dal senso di claustrofobia da quella luminosa finestra sullo sfondo. Complimenti.

    Outfit un pò troppo da educanda per i miei gusti...non mi piace il taglio dell'abito, trovo ti attozzi immotivatamente il busto.
    Nota positiva: le stringate, eleganti ma alla mano (anzi al piede!)

    Un saluto

    RispondiElimina
  7. @ Sophie: Ti dico subito perchè mi attozza: è un modello per bambina, quindi non predisposto a contenere le forme. Subito sotto il seno, poi, parte il palloncino, per cui da questo effetto che non fa impazzire nemmeno me, ma che, nel complesso, ho cercato di recuperare. Ovviamente, lo stile da educanda è palese e l'ho scelto perchè, oltre a piacermi, dovevo trovare in un quarto d'ora qualcosa di sobrio ma, allo stesso tempo, spiritoso per il contesto. Bombetta e stringate, poi, hanno fatto il resto! Passando alle cose serie: Ti ringrazio molto per l'apprezzamento del quadro. Hai colto in pieno il senso dell'opera: decadenza, abbandono e inquietitudine. La finestra era necessaria, come tu stessa hai concluso, per dare una via di fuga a queste sensazioni drammatiche. A presto!

    @ Veronica: Grazie, Cara!

    @ Lanciacoriandoli: Grazie mille!

    @ Mimi: Sì, è proprio quella e mi fa immensamente piacere che Ti piaccia! Certamente, in futuro, pubblicherò altre foto dei miei lavori, anche se, all'inizio, è stato difficile esordire, perchè è una parte troppo intima... E sono certa che mi camprendi! ;)

    RispondiElimina
  8. Guarda io avrei puntato più su un look da poeta maledetto, ma mi rendo conto che sono punti di vista diversi e magari non ti saresti sentita a tuo agio. Naturalmente, lo sai, sono franca e mi piace dire le cose onestamente, sia nel bene che nel male, specialmente a chi come te è mentalmente aperto e considera il blog un momento di scambio e non un delirio narcisistico.

    Domanda che esula: che tecnica hai usato per l'opera?

    RispondiElimina
  9. @ Sophie: Olio. Uso sempre e solo colori a olio. Però, utilizzo poco i pennelli, preferendo la spatola (ma quella da muratore, diciamo, non quella da pittore), pezze, guanti in lattice.
    A proposito del look: capisco perfettamente, ma quel giorno non ero nel mood del poeta maledetto e, per quanto, a volte, mi piaccia rivestirmi dell'aura dell'artista anche per quanto riguarda l'abbigliamento, sul momento ho puntato su qualcosa di più "preppy", se così si può dire. Grazie nuovamente per i complimenti personali, che mi lusingano: è un piacere incontrarTi su questa pagina e scoprire, ogni volta, il tuo punto di vista. A presto!

    RispondiElimina
  10. Applausi per la Pippi e la sua tela! Mi piace! In bocca al lupo *****

    RispondiElimina
  11. andando a ritroso sul tuo blog, noto che questo quadro ha delle somiglianze con le foto che hai postato sulla casa in cui sei cresciuta (nel post dal titolo "un posto che conosco")...forse è solo una coincidenza, ma mi ha colpito. ciao!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget