martedì 4 marzo 2014

We've enjoyed the Pop-up Market!


Vintage? Handmade? Musica, moda, arte e voglia di novità?
E' possibile che a Catania esista un connubio tanto eterogeneo ed eclettico? 
E che il fermento che tutti lamentano (io per prima) mancare sia, invece, effettivamente vivo e frizzante in quel sottobosco su cui nessuno è mai disposto a puntare?
Decisamente, sì. E la risposta è spiazzante quanto forte e decisa.

lunedì 3 febbraio 2014

"...dalla Terra" di Marco Strano. La nostra Terra.

Buona sera Ragazze,
questo incontro è un po' diverso dai nostri soliti ritrovi, fatti di chiacchere abbinate - è il caso di dirlo - a stoffa...
Vorrei raccontarvi di una mia prima volta.
La prima volta in cui ho voluto sporgere la testa da quello che è il mio mondo, la mia dimensione, la mia rocca, se vogliamo, per curiosare tra quanto si muova nella mia città.
Parlo di moda, chiaramente, nessuna riflessione esistenziale, nessun polpettone bacchettone dei miei.
Non potrei mai servirvene uno di domenica sera, già appesantiti dal pranzo domenicale e alla vigilia dell'ennesimo lunedì.
Sapete che sono un tipo che ama stare per conto suo (che io scelga la compagnia è un discorso che, appunto, le rende la specialità che merita) e che non si espone molto dal punto di vista mondano.
Sono un orso. Un vampiro. Un lupo mannaro. Un... un... Vabbè, sono solo un po' timida..!
Ma, amando la moda e questi miei spazi virtuali, ho pensato che coniugare le due cose fosse una gran trovata.

venerdì 22 novembre 2013

Sono tutta un fuoco. Grazie alla gastrite.

Ragazze, io ho un'età, siamo sinceri.
In più, ho anche un carattere sufficientemente di merda da assicurarmi quei piccoli disturbi che non ti fanno mai sentire sola e che, anzi, ti rendono certa di essere pensata. O di pensare troppo.
Colite nervosa, si chiama. E, quando in accoppiata con la gastrite, non da scampo.
Ma la soluzione è: maxi pull.
Non sto certo a parlare di farmaci o terapie: io parlo di cose pratiche, immediate, di urgenti necessità dal carattere tessile.
Ecco perchè mivedrete più imbottita di un panino da Jonathan al lungomare di Catania: me duele la panza.
E non me ne vergogno: un po' perchè sono e cresciuta in quelli '90, cosa che mi sdogana dall'avere un aspetto curato o fasciatamente femminile (lode al grunge, ora e sempre); un po' perchè io non vesto uno stile definito o unico, ma seguo il mio gusto, componendo di volta in volta l'involucro che possa portare in giro il più adeguatamente possibile il mio umore e i miei pensieri.
Vi lascio, rispettivamente, a: 1) un banalissimo ootd da giornata universitaria, corredato da faccia sbattuta. Perchè glielo dobbiamo pur far credere a questi benedetti professori che passiamo la vita a studiare, no? Se lo meritano. E ci conviene. 2) un ootn, di cui segnalo solo i primi stivali al mondo che mi facciano sentire figa. E la cosa va manifestata pubblicamente, perchè non era mai avvenuta, quindi pretendo che mi perdoniate per l'immodestia. 3) un ootd/ootn mascolino, è vero, ma che mi ha permesso di corredare il tutto con il cravattino nero. Perciò ero molto felice. E questo è importante per il recupero del paziente.
A riconoscenza della vostra pazienza, non vi tartasso di foto accessorie, tanto non c'è nulla di particolarmente creativo da approfondire.
Ammesso che normalmente vi sia..!









Non ho altro da aggiungere, Vostro Onore.
Con osservanza,
Fil

lunedì 18 novembre 2013

Tanto il lunedì torna sempre.

Circa un anno fa, presso uno dei locali più "cul" di Catania, mi sono, per caso, ritrovata a sentire - ok, ascoltare - una conversazione tra due giovani, uno dei quali particolarmente saggio, sulla forza d'animo di cui si nutriva per affrontare la settimana, nell'attesa del weekend.
Diceva costui:"Ou, sono troppo contento, sta arrivando il weekend! 
Perchè, vedi, amico mio (n.d.r.: ho tradotto l'originale "'mbare" per rendere più accessibile a un pubblico internazionale le successive affermazioni, già di per sè cariche di complessità esistenziale): è il lunedì il problema. Perchè il martedì, si sa, c'è il cinema a €3; il mercoledì è, da sempre, serata universitaria, il giovedì ci ritroviamo tutti al Bonù (n.d.r.: e qui mi trovo preparata, perchè lo conosco e ci vado anche io. In quanto "cul".); il venerdì... e vabbè, il venerdì è già finesettimana... Il sabato chiaramente (n.d.r.: più chiaro di così? Dopo una settimana tanto stressante, si merita un po' di rassicurante routine...) si esce e la domenica non puoi non trovare qualcosa da fare, così, in relax, magari un aperitivo, perchè poi il giorno dopo inizia la settimana (n.d.r.: lavorativa??? Really???)...
Perciò, vedì? E' il lunedì l'unico giorno di merda..."
Io spero che, durante quest'ultimo anno, questa giovane anima in pena abbia trovato un motivo per andare avanti e superare, di volta in volta, tutti i lunedì che hanno ostacolato il suo cammino verso la movida.
Per quanto riguarda me e - credo e spero - tutte voi, non resta che riderci su, pensando che c'è sempre qualcuno che sta peggio.
Di una cosa sola sono certa, se proprio dobbiamo affrontare l'argomento: consiglierei di evitare di parlare puntualmente di quanto odiamo il lunedì, perchè tanto mica si fa un esame di coscienza.
Ignoriamolo, 'sto stronzo.


Ieri, per seguire le orme del succitato itboy, mi sono goduta un bell'aperitivo al Mammut, ovviamente a Catania: trovo sempre un motivo per tornarci, divertirmi e farmi quattro risate, nonostante l'assalto al buffet rasenti la voracità che si scatena alla mensa dei poveri. 
Ma sò giovani, glielo perdoniamo...

Maglione (in cotone. Disagiatamente in cotone. L'ultimo giro, per quest'anno.): Zara
Gonna avente il potere di far sentire figa chiunque: Zara
Giacca in plasticosissima ecopelle: Pull&Bear
Stivali: marca che sconosco, ma che per-€8-vuoi-che-li-lasciavo-lì??? Peraltro, comodissimi.
Borsa tra le più sfruttate di sempre, della serie "appiglio dell'ultimo momento: Zara
Collana, che mi si è £&%$$||!!<<"** rotta prima di uscire e che ho appuntato con una spilla da balia (perchè, per la mia universale visione della sartorialità, una spilla da balia sistema qualunque intoppo.)

Vi abbraccio,
Fil
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Share It