martedì 30 agosto 2011

O la borsa o la vita.


Buongiorno Ragazze!
Rieccomi a parlarVi dall'alto della montagna delle cose da fare e, ciononostante, desiderosa di ritagliare una mezz'oretta per chiaccherare insieme...




Il pozzo che vedete introdurre questo post è probabilmente l'origine della mia storia...
O, almeno, l'elemento che mi ha portato ad amare follemente la moda e tutto quello che le gira intorno...
Avete presente la tipica esclamazione, che si pronuncia di fronte a qualcuno che sembra essere uscito di senno, "Ma hai battuto la testa??!"?
Bene (o male, visto quanto è dura la pietra), è quanto è successo alla sottoscritta all'età di circa quattro anni.
Giravo in giardino con il mio triciclo rosso (non so perchè, ma ricordo che lo chiamavo "trattore"... Sarà stata forse un'assimilazione dell'oggetto al contesto bucolico..?), quando, avvicinatami a un impervio pendio (figuratevi... Si trattava del vialetto che porta dal cancello a casa..!), ho perso il controllo del mezzo e, tra le urla invocanti mia Nonna che, debole di udito, continuava imperterrita a raccogliere asparagi, scivolavo senza possibilità di appiglio verso il pozzo...
Ricordo ancora i piedi che cercavano di frenare sull'asfalto...
E poi... Booooom! Lo schianto.
Cavolicchio, un dolore che non vi dico... Mi è sembrato che mille sorpresine dell'Ovetto Kinder rimbalzassero impazzite dentro la mia scatola cranica...
Alle urla, ancora più disperate, di dolore, mia Nonna, finalmente, si voltò...


Da piccola collezionavo continuamente bernoccoli: una volta caddi dal letto (uno di quelli antichi, alti quanto me da piccola... Uhm... Alti anche quanto me da grande!) e continuai a dormire per terra...
Mah... Che tipo...
Comunque, non era di questo che volevo parlare... Come al solito mi perdo in chiacchere...
Cercavo, piuttosto, una giustificazione alla mia ingiustificabile quanto smodata passione per la moda..!
Non ci sono riuscita, eh..!?
Mi conviene arrivare al punto.
Ieri, come accennavo, sono passata da casa e, oltre a ritrovare la mia amata gattina Pity (magrissima per la prova costume...)...

ho gioito per un lieto evento...


Dopo di che... Dopo di che sono passata all'operazione che motiva il titolo del post.

Ho depredato l'armadio di Mamma di alcune borse vintage o semi-vintage che avevo adocchiato a partire dalla prima infanzia (eppure, secondo me, la storia del pozzo un po' c'entra...).
Eccole:
Versace, primi anni '80...
Blu di Prussia.




..."Quando Versace voleva dire ancora Gianni Versace", ci tiene a precisare la stilosa genitrice...

Prada, anni '80, che verrà presto accostata ad altri pezzi cui era abbinata.
Enrico Coveri, primi anni '80.

Maison che, io stessa, ricordo per collezioni coloratissime.
Ammetto che questa borsa mi ha sempre fatto un po' di impressione, perchè, da piccola, il colore mi ricordava le squame dei pesci (...il pozzo c'entra, ve lo dico io..!)...
Borsa in vimini, anni '70.
L'avete già vista qui .
Ferragamo, metà anni '90.
All'epoca non mi spiegavo per quale motivo mia Mamma fosse così felice di questo regalo da parte di mio padre... All'epoca.
A conchiglia, anni '70.
L'ho proposta in uno dei miei primi video outfit .
Infine, Miu Miu, fine anni '90.
Questa non voleva mollarla, c'è quasi stato un tiro alla fune. La definisco attualmente in comproprietà.
...ma l'intestazione del presente articolo non è dovuta alla fruttuosa rapina che ho portato a termine, bensì alla varietà dei pezzi oggetto del bottino: se vi ho fatto vedere "le borse", "la vita" non può che riferirsi alle cinture!
Eccole:
Moschino (prodotta da Redwall), anni '80.
Modello oggi nuovamente in gran voga: mia Mamma c'ha l'occhio lungo..! Ed io ancora di più, visto che l'attendo dall'infanzia...
Anni '80, altezza alla vita.
La adoro, nient'altro da aggiungere.
Maska, anni '90.
Questa marca era molto amata da mia Mamma in quegli anni. Non so se sia ancora in attività.
Anni '70.
Nera, classica e chic.
Anni '70.
Tripartita: ogni pezzo è di colore diverso. Altezza in vita.
Nazareno Gabrielli, anni '80.
Blu di Prussia, da mettere alla vita.
Anni '70.
Un po' malandata, ma deliziosa.
Anni '70.
Da indossare in doppio giro.
Anche per oggi è tutto. Beh, non posso certo lamentarmi..!
Per il resto, studio, studio e, ancora, studio...
Vi interesserebbe un outfit in camice da pittore..!?
Vi abbraccio e Vi do appuntamento tra pochi giorni, come sempre, su questa pagina.
P.

17 commenti:

  1. magari mia madre avesse conservato tanta belle cose argh!

    RispondiElimina
  2. @ Sabrina: Ciao Sabri! Nonostante abbia mostrato diverse cosette, resta ben poco di altro, perchè, in quanto a abbigliamento, ha buttato tutto... Gusti e taglie erano gli stessi, peccato...

    RispondiElimina
  3. wow che meraviglia quelle borse, non saprei dire qual'è la più bella *_*
    anche mia mamma ha da sempre la passione per le borse (chissà da chi ho preso...) però non ha conservato gran chè. non sai quante volte glie lo "rinfaccio".

    brava, bel bottino ;-)

    baci

    I.

    RispondiElimina
  4. Bellissime le cinture doppio giro, ce le ho anche io (di mia mamma, ovviamente) e le uso in tutti i modi...Una delle poche cose che ho potuto sottrarle: altezza e girovita (sob) non sono per niente uguali, purtroppo. Per non parlare delle scarpe.

    RispondiElimina
  5. Oh Mamma mia!!!(quest'espressione mi sembra particolarmente appropriata!)
    Ma sono tutte favolose.Davvero stra belle!
    Preferite: versace, ferragamo, prada, quella in vimini, cintura bianca anni '80 e quella tutte forellata... Sarei capace di strappartele di dosso!!! ;)
    Soliti fantastici gusti Fly!
    Bacissimi!

    Sara

    RispondiElimina
  6. ...E poi... Voglio dire... I titoli sono sempre geniali!!! =)

    RispondiElimina
  7. Ma sia benedetta tua madre, mia cara ^___^
    A cui va tutta la mia simpatia x la frase "quando versace era ancora GIANNI versace": ma vogliamo parlare della tragica monotonia, della mancanza di inventiva, dell'appiattimento sui clichè generali in cui è caduta la maison da quando disegna donatella??? Un abito di versace lo riconoscevi a colpo d'occhio, come uno di valentino etc, c'era sempre qualcosa che ti indicava il loro stile in mezzo a mille altri vestiti! Ricordo che quando morì io, giovane seguace della moda (certo, sulle riviste ^_^ ...), rimasi scioccata...
    Tutto x dirti che sì, tua madre ha perfettamente ragione, oltre a possedere gran buon gusto; si potrebbe dire: buon sangue non mente ^_^
    Francesca

    RispondiElimina
  8. posso dire di avere letteralmente l'acquolina, cioè.... sei sempre la meglio ?B^)

    RispondiElimina
  9. wow che bella la borsa a conchiglia....stupenda....un bacione pippy cara!

    RispondiElimina
  10. @ Akuaduulza : Ciao Cara! Eh sì, le borsette di Mammà sono garanzia di successo... Sbavo dall'età di 4 anni, ma sono stata ricompensata..! Rinfaccio anche io di non aver conservato abbigliamento, specie quando, sfogliando le riviste, mi fa mangiare i gomiti dicendo:"Uh, che bello quel vestito... Pensa che io ne avevo uno identico quand'ero ragazza..." -_-' Baci e a presto!

    RispondiElimina
  11. @ Gì: Ciao! Pensa che, invece, mia Mamma e io abbiamo le stesse misure, ma lei ha buttato praticamente tutti i capi anni '70 che aveva... Roba da metterla in punizione per i prossimi 15 anni... XD

    RispondiElimina
  12. @ Sara: Ciao Carissima! =) Eheheheh!!! Piaciuto il titolo!? Mi applico molto, mi piace provare a farvi sorridere sin dall'inizio del post..! Posso ritenermi soddisfatta, non c'è che dire..! Il problema, ora, è trovare degli abbinamenti all'altezza degli accessori: firme a parte, sono modelli particolari, non semplici... Spero di tener loro testa! ; ) Un bacione!

    RispondiElimina
  13. @ Francesca: Mia cara amica, che piacere ritrovarti! Sì, concordo che te e con mia Mamma: Versace era tutt'altra cosa, aveva un'impronta inimitabile e, quindi, irripetibile... Erano donne che rubavano lo sguardo, quelle che faceva sfilare... Quando fu ucciso io ero in vacanza studio in Inghilterra e mi ricordo che al college, pienissimo di italiani (l'avresti mai detto!?), eravamo molto straniti... Era motivo d'orgoglio, era un artista... Ti abbraccio, buona serata! =)

    RispondiElimina
  14. @ Mimi: Tesoro mio, ciao! Sei dolcissima ogni volta che ti fai sentire... Grazie di tutto! Un bacione!

    RispondiElimina
  15. @ Veronica: Carissima, buona sera! La borsa a conchiglia è meravigliosa: pur non essendo di marca, trovo che sia estremamente chic, nonchè di un color testa di moro stupendo! Un bacione! =)

    RispondiElimina
  16. Che stile la mami! La borsa di Ferragamo lucida è spettacolare!!

    RispondiElimina
  17. @ Martina: Hai capito che tesori ho bramato per anni!? Ma ce l'ho fatta! La borsa Ferragamo è di classe effettivamente, un po' seria ma decisiva per un look elegante... =)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget